Dialogo con l’Ingegnere

 

Agita il vento un soffio di memoria.

L’assoluto in un’anima, difficile

unicità da cogliere. Tra il labile

contorno riflettendosi

 

appare ora un sorriso in superficie.

M’interroga. L’interrogo. Dialogo

antico e nuovo. Specchio è l’amicizia

nell’essere e nell’esserci

 

tra gli affanni del giorno. L’ora vacua

esige una risposta. Nel silenzio

cupo di questo tempo in cui si brancola,

cadendo nell’oblio di stanche pagine,

 

ha il nostro cuore un pallido rifugio.

I ricordi svaniscono, il sorridere

non viene meno mai, Luca: distingue

il senso della storia.

 

 

Quanto fa un quarto di secolo? Non troppo, forse. Eppure, mi sembra un tempo immensamente lungo. Da quella sera di capodanno al «Villaggio della rivoluzione» a oggi tutto è stato un punto senza dimensioni. Sempre esistito, certo, sempre presente, sempre dinamico. Ma non devo pensare al tempo: non mi pare esista o almeno, se esiste, non ha poi troppa importanza. L’eternità del presente è fuor di dubbio. Eppure, quella sera fatale sembra essere l’alfa e l’omega. Ma chi è rimasto di allora? Forse anche questo, Ingegnere, non ha poi troppa importanza. Anzi sì: fu l’inizio di un’amicizia. Sai, gli altri già li conoscevo, gli altri dico che si sono persi.

Tu sei sempre stato l’Ingegnere. Lo eri già allora, ben prima di laurearti. Lo resti adesso per antonomasia. Nulla cambia e nulla si trasforma veramente, al di là delle formule alchemiche di vecchi chimici. Le certezze che propali per qualcuno sono solo una vana sicumera. Può essere. Il segreto di tutto è possedere i fondamentali: il resto viene da sé. E se non viene, fa poi lo stesso. Questo col passare degli anni l’ho imparato anch’io. Tu prima di me, ma ti ho sempre detto che di tante cose ti avrei reso merito, come il fatto di essere nato qualche mese prima di te. Testimone dellamemoria, questa è la poesia. Come sai, infatti, o come ti ho spiegato, le Muse sono figlie di Mnemosine.

Ci sono state epoche, se così vogliamo chiamarle, in cui il tuo compleanno era un vero e proprio rito. Non so, ora non è più così. Un po’ me ne dispiaccio, anche se comprendo che questo è l’accidente, non la sostanza: tra potenza e atto si deve pur aprire la strada la nostra interpretazione. Siamo o non siamo res cogitantes? Mettiamola pure su piani cartesiani, cosa che tanto ti piace. Io ti guardo «filosofare pure sui perché» (F. Guccini, Eskimo), come canta il poeta di Pavana, dove ti ritiri per i tuoi divi ozi, credo pure oggi, per espletare il dies natalis secondo tutti i necessari crismi dell’unzione. Anche su per di là ti sei sposato. Un’altra storia, certo, ma pur sempre presente. Non se ne esce, vedi? Oppure, è solo una mia ossessione.

Ecco, io preferisco raggiungerti in via Saffi, sull’antica via Emilia. Quello è il tuo regno. Ne conosci ogni centimetro quadro, ogni mattone. Almeno così la racconti. Io ascolto, non c’è che dire, ascolto ammirato. Da via delle Tofane a Porta San Felice non si fa altro che ammirarti passare. Un reticolo di strade offerto alla memoria della Grande Guerra, un’ansa di Bologna tutta tua. Tutta vostra, scusa: non vorrei dimenticare Elena. Già, perché del famoso matrimonio ero pur testimone anch’io, là sullo «scabro Apennino», come avrebbe detto il Recanatese e come ha scritto nel Pensiero dominante.

 

 

 

Da Saffi a Porta Saragozza è una passeggiata. Tu la fai spesso, tutti i giorni, per andare a Ingegneria. Sulla salita di Risorgimento hai messo le tende. E hai fatto bene, se te lo hanno permesso. Io pure lo avrei fatto, ma non tutte le facoltà sono uguali. Inutile parlare dell’ovvio, soprattutto in questo sabato così grigio, così strano. Sarebbe il tuo compleanno, oggi, e io mi sono perso nei ricordi e nelle mie riflessioni. Non so nemeno se valga la pena di usare le «trite parole che non uno / osava» (U. Saba, Amai), non nel senso della «rima fiore amore, / la più antica, difficile del mondo». Anche le rime mi sono venute a noia. Non perché non mi piacciano, tutt’altro;forse, vedi, hanno fatto il loro tempo. La stessa cosa mi pare delle Due Torri, che restano visibili e le vedevamo da casa tua, nel palazzo con le rifiniture in giallo limone. Quanto risi quella volta: lo diceviconvinto, anche se un sorriso poitradiva, sì, tradiva la verità. Così avevi descritto casa tua dopo il restauro. Forse le Due Torri non le si vedeva, perché di fronte c’era la Caserma Mameli, ma non importa. Eri riuscito a giustificare pure le stravaganti tapparelle azzurre. Sarà, i gusti non li discuto, ma quanti amari calici abbiamo dovuto bere e quanti ancora ne berremo?

Insomma, Ingegnere, io dovevo farti gli auguri, ma ho parlato di nulla. Intendiamoci, un nulla interessante e piacevole, ma pur sempre un nulla. È come quando, parlando, ti accorgi di essere davanti a uno spettacolo e gli occhi ti corrono altrove. Hai presente quando si ritorna a Bologna da lontano? Proprio così: si vede San Luca e ci si sente a casa. Spero tu mi perdoni. Le sciorinate non le sopporto più, se mai le ho sopportate. Ecco, dai, questo il mio augurio.

 

 

 

© Federico Cinti

Tutti i diritti riservati

14 commenti

    1. In effetti, carissima, è proprio così. Ogni testo nasce da un’occasione, ma vorrei che questo kairòs non fosse un semplice ritornerllo di parole, bensì un momento di riflessione e di dialogo. Ecco allora che la contingenza si allarga a dismisura, a pescare qua e là dalla memoria, come dal punto morto dell’universo. se tu cogli proprio questo, come mi pare d’avere inteso, allora sono riuscito nel mio intento.
      Da qui il mio grazie a te dal più profondo.

      Piace a 1 persona

  1. “Auguri personalizzati”: il regalo più bello che si possa ricevere da un amico. Spesso gli amici di vecchia data sono i soli che ti ritrovi, in questo andare e venire del mondo. Tu sai conservare l’affetto e lo dimostri donando un po’ del tuo tempo e, perché no, un po’ di te. Tu sei poesia. Donare poesia è il regalo più vero che tu possa fare. E per “poesia” non intendo solo il testo acrostico che hai donato a Luca, ma anche quello dei ricordi in prosa, amari e dolci, finiti e infiniti, dove il tempo sembra fermarsi, nonostante sia passato un altro anno. Complimenti a te e auguri di buon compleanno all’Ingegnere!

    Piace a 1 persona

    1. Credo che tu abbia sintetizzato potentemente il senso di questo scritto e degli altri. L’occasione che genera un testo non è fine a se stesso, ma è parte di un tutto che si ricompone a poco a poco come in un mosaico. Pazienza, ecco: ci vuole tanta pazienza per vedere il disegno intero. Dedicare tempo agli amici è in fondo dedicare tempo a ciò che si è o che si è stati. Gli amici sono l’unico bene che non finisce: il tempo è una variabile e dobbiamo sforzarci di renderlo invariabile. Grazie sempre dell’attenzione che riservi alle mie cose!

      "Mi piace"

  2. Meraviglioso dono! Scaturito da un dialogo sull’onda dei ricordi che un vento complice accarezza. Prevale il sorriso, il detto con affetto che nel tempo si è moltiplicato come i talenti che il buon Dio ci diede appena ieri ! Spaziare? Distrarsi o divagare? Come si può seguire a volte il filo del discorso se un meraviglioso altro dire si fa largo tra di noi e infiocchetta il tempo in un pregiato presente ! Grazie Federico ♥️

    Piace a 1 persona

    1. Grazie a te, carissima! Parlare degli amici e agli amici è, in fondo, parlare di sé a sé: sono lo specchio in cui ci riflettiamo e ci ritroviamo. Il tempo è una variabile soggettiva e così i ricordi, che valgono solo nella misura in cui fanno parte della nostra vita. E poi gli amici veri sono pochi.
      Grazie ancora delle tue parole così vive, così vere.

      "Mi piace"

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...