Oblio di sogno

 

Eterea levità, fu il tuo sorriso

Smarrimento d’un attimo infinito.

Tutto successe a un tratto: all’improvviso

una dolcezza sul sentiero trito.

 

Sfiorai il cielo sublime con un dito:

tutto mutò, tutto fu gioia e riso;

ubriaco ormai, mi ritrovai stupito

percorrendo le vie del paradiso.

 

Oblio di sogno, attesa sulla vana

rarefazione al palpito del giorno,

m’incamminai di nuovo oltre la soglia.

 

Eri di luce chiara, eri la voglia

urgente d’un sospiro, d’un ritorno

senza il filo che attorto s’addipana.

 

 

[Sonetto classificatosi al secondo posto al concorso Amore… parole dal cuore 2022 nella sezione metrica]

 

 

Incredibile, forse; eppure, mi è capitato proprio così, come canta Alfredo alla sua trasognata Violetta: «Un dì, felice, eterea, / mi balenaste innante, / e da quel dì tremante / vissi d’ignoto amor. // Di quell’amor ch’è palpito / dell’universo intero, / misterioso, altero / croce e delizia al cor». Non so se sia l’arte a ispirarsi alla vita o la vita all’arte. Qualcuno, dall’alto del suo genio, scrisse che «di natura arte par, che per diletto / l’imitatrice sua scherzando imiti» (T. Tasso, Gerusalemme liberata, XVI 10, 3-4). È specchio, tutto qui, in cui ci si smarrisce e ci si ritrova a un certo punto. Mi fa sempre sobbalzare il verbo «ritrovarsi», come ci racconta il massimo tra tutti i pellegrini della storia che, «nel mezzo del cammin di nostra vita / si ritrovò per una selva oscura» (Inf. I 1-2). Ecco, così, si ritrovò, come successe a me, davanti a quella luce chiara. Fu un ritrovare me stesso. L’ho capito attraverso i versi di Piave.

È specchio, certo, è soglia che impercettibilmente si supera, senza accorgercene. La realtà ci si mostra per quella che veramente è. Ci si mostra o ci appare, in quell’eterno gioco di deformazioni che chiamano vista, udito, tatto, olfatto, forse pure gusto. Tutto si trascolora, tutto assume un senso diverso e divergente nell’aura in cui ci immergiamo. E si giunge a toccare il cielo con un dito, come confessò Orazio al suo Mecenate, per ringraziarlo di avergli concesso di essere quel che desiderava: «sublimi feriam sidera vertice» (carm. I 1, 36). Era davvero l’anima mundi, «di quell’amor ch’è palpito / dell’universo intero». A quella voce chiara trasalii d’un tratto, come quel Morvàn che «viveva con sua madre in Cornovaglia: / un dì trasecolò nella boscaglia» (G. Pascoli, Breùs, I 1-2). I sogni ci si palesano davanti e noi cominciamo a inseguirli. Così nasce l’amore.

 

 

A volte me lo domando e non posso che rivolgere lo stesso quesito a quella donna meravigliosa: che fu quel giorno? Chiara nell’orecchio ho la tua voce, luce nei ricordi in cui spesso mi specchio e mi rispecchio. Fu il primo giorno, certo, quella prima volta in cui tutto cominciò, quasi per sbaglio. Ecco, appunto, quasi, perché sbaglio non fu, fu certamente segno da decifrare, simbolo da riconoscere, un po’ come il famoso filo che legava Arianna e Teseo. Ora noi diciamo che è la memoria, perché abbiamo nell’orecchio che «un filo s’addipana» (E. Montale, La casa dei doganieri, 11). Sul limite a strapiombo, sulla frontiera che più non si vede, la memoria è un filo che non può non legare. Nel mio caso, almeno, è così, voglio che sia così. Eri «felice, eterea» e «mi balenasti innante»: me lo canto e me lo ricanto. Il più è avere il coraggio di farlo davanti a quell’eterna luce chiara. Ma verrà il giorno: ne sono sicuro.

 

 

© Federico Cinti

Tutti i diritti riservati

Omaggio a Dante – I posto sez. a3 “Nicola Rizzi” al XV Premio Letterario Internazionale “Voci – Città di Roma”

Ho appena appreso, con grande piacere misto a stupore, che è stato assegnato il primo posto, nella sezione a3 – Metrica “Nicola Rizzi”, al XV Premio Letterario Internazionale “Voci – Città di Roma”, alla mia lirica Omaggio a Dante. Il premio consiste in un contratto d’edizione per i tipi della Fuorilinea di Roma. Nell’anno in cui si celebra il settimo centenario della dipartita del sommo poeta, non posso negarlo, la notizia mi riempie di soddisfazione. Ringrazio la prestigiosa giuria per questo riconoscimento.

Di seguito riporto la lirica cui, come da verbale, è stato assegnato il premio.

Omaggio a Dante

I.

Addio, Firenze, antica nostalgia

sulla soglia del cuore! Tutto è vano,

se si smarrisce la diritta via.

L’ansia del giorno, un palpito lontano

d’eternità. L’azzurro trascolora

il nostro incerto incespicare umano.

Non sarò più chi fui. Vivo nell’ora

che volge al desiderio, nell’esilio

di questo viaggio per tornare ancora

a casa sulla scorta di Virgilio.

II.

Voragine del nulla, l’occhio fissa

il delirio dell’uomo e il suo destino

dentro l’oscurità che s’inabissa.

Adesso mi ritrovo pellegrino

fuori e dentro di me, dove discerno

ciò che non vede l’animo meschino.

Immensa solitudine, l’inferno

mi si scopre davanti, squarcia il velo

del suo tetro trascorrere in eterno.

Così si perde chi ha perduto il cielo.

III.

Sussulto d’infinito all’orizzonte

rivedere le stelle e in mezzo al mare

l’azzurra solitudine del monte!

In questa libertà tutto m’appare

veramente com’è, l’ardua salita,

la stanchezza, la gioia nell’andare.

In me sento rinascere la vita

tra gli amici di un’epoca felice,

si risveglia in me l’anima assopita

a scorgere il sorriso di Beatrice.

IV.

Corre acque inaccessibili il mio legno

per lo gran mar dell’essere in cui io

rendo reale il sogno del mio ingegno.

Tra le potenze angeliche m’avvio

a contemplare le sostanze sante

e il mistero ineffabile di Dio.

Maria prega per me, piccolo Dante,

perché io pregusti quelle cose belle,

mentre con moto sempre a sé costante

l’amore muove il sole e le altre stelle.

Di seguito riporto il giudizio per cui mi è stato assegnato il primo posto e ringrazio Lidia Guerrieri:

Eccezionale padronanza della metrica e un contenuto eccellente in questo lavoro di Federico Cinti:
quattro “capitoli” ciascuno di tre terzine dantesche più un verso di chiusura in rima alternata col
penultimo della terzina di sopra. Basterebbe solo questo a dimostrarci le non comuni capacità di
questo poeta che ha saputo coniugare cultura, destrezza e umanità. Quattro parti per ripercorrere
il viaggio del Vate: dall’incontro con Virgilio nella selva oscura, all’Inferno, “voragine del nulla,
delirio dell’uomo”, all’azzurra solitudine del monte del Purgatorio con la gioia dell’andare, fino
allo splendore del Paradiso e al “mistero ineffabile di Dio”. Novello, “piccolo Dante”, Cinti compie
in questa poesia un viaggio più breve ma identico a quello del Poeta ricavandone la medesima
speranza di salvezza. Noterei come i versi isolati, a conclusione di ogni parte, puntualizzino gli
elementi essenziali dell’opera dantesca: Virgilio-il cielo-Beatrice e, in conclusione il verso che
chiude questa “piccola Commedia” riecheggiando quello conclusivo dell’opera dantesca. Omaggio
di grande bellezza all’eccelso fra i poeti da parte di Federico Cinti, esperto nella metrica italiana e
barbara e poeta raffinatissimo.
Lidia Guerrieri

© Federico Cinti

Tutti i diritti riservati

«Alla mia donna»” – quinto posto al VIII premio Pascoli “L’ora di Barga”

 

Mi è stata consegnata una bella targa con l’effigie di Giovanni Pascoli, che non esito a definire il mio poeta. La soddisfazione è tanta, soprattutto perché mi sono avvicinato idealmente ai luoghi dove ha vissuto molti anni il poeta-fanciullino. La competizione, infatti, portava il titolo di una lirica famosissima dei Canti di Castelvecchio, ossia L’ora di Barga. Avevo visitato ai tempi dell’università anche la Casa-Museo di Barga, immersa in una pace tutta toscana e soprattutto poetica. Il mio componimento, come i Primi e i Nuovi poemetti, riprendevano le terzine. Essere tra i vincitori ha suggellato, in qualche misura, la mia vicinanza a quel sentire così malinconico, eppure così eterno, di Pascoli. In questo, forse, si gioca tutta la mia soddisfazione di questo riconoscimento.

 

 

Ti cercai dentro l’anima. La vita

è a volte avara. Limpido sorriso

alle porte del buio. Tra le dita

 

tenni un sogno: giungesti all’improvviso

tra la pioggia (o le lacrime?). Non ero

pronto; eppure, trovai il mio paradiso.

 

Quanto eri bella non so dire: il vero

si trasfigura all’ombra del reale.

Il tuo viso era semplice, sincero.

 

Nel cuore la tempesta: un fortunale

mi travolse. Un naufragio senza fine

mi sconvolse. Poi nulla fu più uguale.

 

Amai, oltre ogni cosa, oltre il confine

del lecito o possibile: ti amai,

mia dolce rosa nata in dure spine.

 

Feci per te quel che non feci mai

da quel giorno di pioggia a fine estate:

tutto per te cambiai, tutto imparai.

 

Contai gli attimi, le ore, le giornate,

fiore di primavera. Una dolcezza

mi s’agitava in cuore a lievi ondate.

 

Mi smarrii in te, mia sola, unica ebrezza:

nel tuo profumo il languido sospiro

dell’universo. Nella tua bellezza

 

la verità dell’intimo respiro

che unisce indissolubile. Da allora

mi specchio in te, in te vivo, ti rimiro

 

all’infinito, amore che innamora.

 

 

Questo il testo della lirica, questo il tributo alla grandezza dell’ultimo figlio di Virgilio, come ebbe a dire d’Annunzio di Pascoli, e a ragione aggiungo io. Molto è ancora da dire e da scoprire di lui, ma è discorso che vale per tutti i geni della letteratura e del pensiero. Mi accontento di accostarmi a lui con quella reverenza «che più non dee a padre alcun figliuolo» (Purg. I 33), per riprendere lo stato d’animo descritto dal «ghibellin fuggiasco», per fare mia la definizione che Foscolo dà di Dante nei Sepolcri (v. 174), nel momento in cui incontra inaspettatamente Catone l’Uticense.

 

 

 

© Federico Cinti

Tutti i diritti riservati

Secondo posto sezione A al III Premio internazionale “Modernità in metrica”

 

Con grande felicità e soddisfazione ho ricevuto la comunicazione che una delle mie poesie, Dialogo con mio padre, inviata alla III edizione del concorso poetico internazionale «Modernità in metrica», ha ricevuto il secondo posto nella sezione A, poesia in lingua e metrica italiana.

 

 

DIALOGO CON MIO PADRE

 

Tutto è ancora così, come lo avevi

lasciato tu. La polvere dei giorni

volati via, momenti troppo brevi

 

per sentire davvero la distanza

incolmabile, annulla i tuoi ritorni:

per noi sei ancora qui, nell’altra stanza.

 

La tua casa, lo sai, non è cambiata:

ha sempre quell’odore tanto buono

di pulito di quando l’hai lasciata,

 

le tende alle finestre, qualche fiore

in terrazza, quel senso d’abbandono

alla felicità che riempie il cuore.

 

Eppure manchi, sai? Ci manchi tanto,

papà: il tempo non sana la ferita

ancora aperta. Ti sentiamo accanto,

 

ma la tua sedia è vuota, sospensione

di ciò che non c’è più, sogno di vita

vera, ombra d’eterna commozione.

 

Tu sei sempre con noi, presenza assente

tra questi quattro muri, senza volto

o voce. Ti vediamo sorridente,

 

come l’ultima volta. Ci hai voluto

vicino. Già sapevi. Ci hai raccolto

intorno a te per l’ultimo saluto.

 

Ricordarti ci aiuta, non consola,

oggi che servirebbe il tuo consiglio,

la tua serenità, la tua parola

 

amica. Tutto è ancora come allora

per la mamma e per me, che ti somiglio,

in casa nostra, nella tua dimora.

 

Si parla, si ricorda, si racconta,

nulla di più, seduti sul divano,

dove rimane sempre la tua impronta,

 

ad attenderti. Sopra il tavolino

il vaso dove stendere la mano

per prendere anche noi il cioccolatino,

 

come facevi tu prima d’andare

a sdraiarti, papà, per riposare.

 

 

Riporto di seguito la motivazione del presidente di giuria, il prof. Orazio Antonio Bologna:

 

“Dialogo con mio padre”

L’intensa lirica, venata di malinconia e pregna di struggenti ricordi, rimembra con vivo dolore la perdita del padre, saldo punto di riferimento per tutta la famiglia. La ferita, ancora viva e sanguinante, stenta a rimarginarsi. L’accurata rievocazione dei momenti passati col padre, pur finiti per sempre, rinnova il cocente dolore provocato dall’assenza. Il vuoto lasciato riaccende intorno alla sua figura strazianti ricordi, che affiorano nella memoria sempre vivi e palpitanti. L’inalterato moto affettivo rievoca, con immagini di rara bellezza e suggestione, l’esistenza dell’uomo svanito nel nulla e presente nella memoria e nel calore delle persone a lui legate. «Sol chi non lascia eredità d’affetti / poca speme ha nell’urna» scrive a ragione Foscolo nel Carme I sepolcri. Nel nostro poeta la figura del padre si può, e a ragione, riallacciare con maggior adesione a quanto scrive Dante nel ricordo di Brunetto Latini: «… ne la mente m’è fitta, e or m’accora, /la cara e buona imagine paterna / di voi quando nel mondo ad ora ad ora / m’insegnavate come l’uom s’etterna». Alle vive suggestioni suscitate dalla lettura dei classici, nel nostro autore subentra l’immagine dell’uomo, che trascorre la vita d’ogni giorno nella ripetitività dei gesti e delle parole. Ed è proprio questo, che, unito al sapiente utilizzo della versificazione, rende la lirica umana, toccante, d’impareggiabile bellezza.

 Orazio Antonio Bologna

 

 

© Federico Cinti

Tutti i diritti riservati

Primo premio sezione B al Concorso poetico Versi d’oro al SS. Crocifisso

 

Con grande soddisfazione e gioia ho ricevuto la comunicazione che una delle mie poesie, La passione del Signore, inviata al concorso poetico «Versi d’oro al SS. Crocifisso», indetto dalla Venerabile Confraternita di Misericordia di Castagneto Carducci per le Feste triennali del SS. Crocifisso, ha ricevuto il primo posto nella sezione B, lauda.

Di seguito riporto il testo vincitore:

 

 

La Passione del Signore

 

Ti presero, Gesù, pur Innocente,

per ucciderti in croce ingiustamente.

 

Dopo l’ultima cena assieme ai tuoi,

sudasti sangue in fervida orazione

sul Monte degli Olivi, dove poi

ti circondò una turba di persone.

 

Un uomo ti baciò, senza emozione,

un amico, stringendoti al suo seno:

consegnava in tal modo il Nazareno,

il Messia, Gesù Cristo, a quella gente.

 

Ti presero, Gesù, pur Innocente,

per ucciderti in croce ingiustamente.

 

Ti condussero al sommo sacerdote

perché da lui venissi interrogato

con false prove, con parole ignote,

finché un capo d’accusa fu trovato.

 

Ti condussero in seguito a Pilato

per decretare l’ultima tua sorte:

essere messo in croce, messo a morte

per aver bestemmiato il Dio vivente.

 

Ti presero, Gesù, pur Innocente,

per ucciderti in croce ingiustamente.

 

Non proferisti verbo di dolore

alle percosse ignobili, al flagello:

ti mostrasti del mondo il Salvatore

nella dolce umiltà di mite Agnello.

 

Silente ti condussero al macello,

verso il Calvario, con il peso atroce

sulle tue spalle dell’iniqua croce,

davanti agli occhi di Maria dolente.

 

Ti presero, Gesù, pur Innocente,

per ucciderti in croce ingiustamente.

 

 

Ringrazio la giuria del prestigioso premio.

Dal «Verbale di Giuria»:
1° premio per la Sez. B – Lauda
La passione del Signore
composta da Federico Cinti
con la seguente menzione d’onore:
«Componimento rispettoso della metrica, dall’andamento descrittivo, evoca significativamente lo snodarsi di una Via Crucis il cui senso è la donazione dell’Agnello per la vita del mondo».

 

 

© Federico Cinti

Tutti i diritti riservati

A inizio estate

 

Ci tengo a ringraziare Patrizia Stefanelli, la prestigiosa giuria del XXIII Premio Nazionale Mimesis 2020 e tutti gli organizzatori per l’undicesimo posto assegnato alla mia lirica A inizio estate, tra i testi vincitori del concorso letterario.

Di seguito il testo.

 

 

Traslucida armonia nel cielo il raggio

dell’eterno: si perde azzurro il limite

tra mille scaglie d’oro

sull’ultima vertigine.

 

Voce che sa di sale, antiche favole

raccolte chissà dove sulla sabbia,

all’ombra della vita

dal cuore di conchiglia.

 

Il tempo corre immoto, muta immagine

ripetutasi uguale, arcana inerzia

della clessidra. Tutto

è e non è dentro l’anima.

 

Ride un volto dolcissimo. Per l’aria

il senso della festa. Si rincorrono

momenti senza fine,

gioie d’un desiderio.

 

S’avvera il sogno. Scioglie il cuore l’ansia

dell’attesa. Nell’essere e nell’esserci

cade il velo, sospiro

d’un già noto tripudio.

 

 

Vedere riconosciuto il frutto della propria creazione è una gioia indescrivibile. Solo in questo modo, divenendo pubblica, la poesia si fa bene condiviso, senso comune.

 

 

© Federico Cinti

Tutti i diritti riservati

Sogno di una notte di mezza estate

 

Ho appreso con molta soddisfazione dalla dott.ssa Valeria Di Felice che una mia poesia ha ottenuto il terzo posto nella sezione B, poesia in metrica, al XII Premio letterario Internazionale “Città di Martinsicuro” 2020. Questa la comunicazione ufficiale:

«Gentil.mo autore Federico Cinti,

la Di Felice Edizioni è lieta di comunicarLe che, per la sezione POESIA IN METRICA della XII edizione del Premio Letterario Internazionale “Città di Martinsicuro” 2020, la giuria ha deciso di assegnare il Terzo Premio all’opera: Sogno d’una notte di mezza estate».

 

 

S’intravide la luna: in un pallore

di perla sgranò lieve il suo rosario

di stelle e fiorì lieve lo stupore.

 

Un canto lontanava solitario

lungo la via, per gli orti inargentati,

tra noi sciogliendo l’ultimo divario.

 

Indugiammo nell’ombra trasognati

un tempo indefinito: in quell’istante

fummo come perduti e ritrovati.

 

Si fondeva in noi il mondo circostante

annullandosi: l’ora ci sorprese

simile al volto di un’ignota amante.

 

Le anime nostre incredule, sospese,

rincorsero il fluire della vita

oltre gli eterni secoli protese.

 

Il cuore mareggiò. Dita tra dita

fissammo nella volta ardua del cielo

la sommità dell’essere infinita.

 

Tutto fu un’eco già sentita: il velo

notturno ci coperse, quell’estate

incipiente, col suo sussurro anelo.

 

Un sogno ci rapì, parole alate,

languida ebrezza, etereo stordimento,

antico sortilegio delle fate.

 

Stormivano le fronde agili al vento

spinto verso l’asintoto e tra noi

la vertigine solo e il suo spavento.

 

Non esistette più il prima né il poi.

Tra le palpebre un dolce lacrimare

tu dentro gli occhi miei, io dentro i tuoi.

 

Chissà dove, laggiù, sentimmo il mare,

ombra di un’ombra, immagine del vero,

e quasi ci sembrò di naufragare.

 

Era l’ansia del vivere, pensiero

che ci fondeva indissolubilmente,

e attingemmo alla fonte del mistero.

 

La luna procedette indifferente

nel suo peregrinare senza fine,

oltre i monti, perdendosi silente.

 

Poi l’aurora, in un abito di trine

dal fulgore di rosa, annunciò il giorno

nascente, fino all’ultimo confine

 

della terra, in un ciclico ritorno.

 

 

Riporto di seguito il giudizio della giuria:

 

Motivazione a cura di Vittorio Verducci

 

Sogni e magie in una notte d’estate. Sotto lo sguardo compiaciuto della luna e il ridere delle stelle si fondono gli occhi degli amanti, in una percezione panica della natura che li porta a naufragare nell’oscurità della notte, tra lo stormire delle foglie e i palpiti del mare, in un tempo che si dilata all’infinito. In questa cornice di mistero che avvolge le cose e in cui batte il cuore segreto dell’universo, si snodano le terzine dantesche del poeta, perfette sul piano formale e stilistico, cui egli affida i moti più reconditi dell’anima.

 

 

All’incantesimo del solstizio estivo fa eco la pièce di Shakespeare, di cui ho mutuato il titolo: dimensione onirica e finzione reale s’incontrano e si fondono dentro la notte fulgida del cielo. Splendida metafora, forse, dell’amore, per cui tutto è possibile. Si alza il sipario al tremulo  raggio della luna, che passa nel vento assieme alle stelle. Palpita il mondo tra le case e tra gli alberi. Vicende che s’annodano e si snodano, speciosi intrecci dal sorriso ironico. È il regno delle fate, di Titania e di Oberon, che si rincorrono in un eterno gioco delle parti.

Nel Sogno di una notte di mezza estate un’altra Titania, presenza inquieta in terra europea, non trovò pace, Elisabetta, infelice imperatrice d’Austria e regina d’Ungheria. Anch’io l’inseguita in quel suo viaggio senza meta, fantasia che ancora non ha raggiunto il suo compimento. Volava di sponda in sponda, simile a gabbiano senza patria. Anche questa è una storia che prima o poi racconterò. Poesia, solo poesia, specchi ad angoli deformi che si riflettono l’uno nell’altro a costruire ciò che è e che non è, metamorfosi d’irrequietudine.

 

 

© Federico Cinti

Tutti i diritti riservati

“Ti penso” e “In dissolvenza”, menzioni d’onore

 

Al concorso poetico «Lampi di poesia», indetto dall’associazione « Monginevro cultura» di Torino, non avevo partecipato inviando solo Nevicata, cui è stato assegnato il primo posto nella sezione A (testi brevi in lingua italiana), ma pure Ti penso e In dissolvenza. Preso dallo stupore per il risultato, avevo omesso di riportare gli altri due testi che, comunque, hanno ricevuto la menzione di merito, riconoscimento non meno importante e di cui ringrazio ancora il Presidente e poeta, Sergio Donna.

riporto di seguito i due testi con il relativo giudizio critico della giuria.

 

 

Ti penso

 

Ti penso. L’anima si perde all’ombra

d’antiche immagini, d’un sogno. Eppure,

vano per l’aria riappare il volto

noto in un sibilo lieve di vento,

sorriso pallido. Nel cuore vivi

di rosea grazia, vivi di luce

lontana, tenue speranza al cuore

che attende. Gioia di quest’istante

eterno: l’attimo sfuma pian piano

dove non limite c’è, dove il tempo

non ha principio né fine. Stringo

in un abbraccio ciò che mi è caro,

oltre la soglia dell’infinito.

 

Motivazione della giuria

Intensa poesia che palpita d’amore: i versi scorrono in un attimo breve, che sfuma pian piano, e si perde oltre la soglia dell’infinito.

 

 

Mentre il primo testo è in rolliani, la riproposizione italiana inventata da Paolo Rolli per rendere i faleci della poesia classica, il secondo è in dimetri giambici, resi con settenari sdruccioli. Questa piccola nota tecnica spero non disturbi troppo i miei lettori.

 

 

In dissolvenza

 

Nell’ora immota attendere

che s’apra il varco. L’anima

appesa all’inquietudine

veglia: nel suo rifugio

 

di sogni un viso tremola

dimenticato. Pallida

dissolvenza nell’ardua

tensione: dentro l’ultimo

 

raggio nuota una nuvola

smarritasi. Il crepuscolo

si chiude come palpebra

né tenta di resistere

 

al buio. Solitudine

giunta improvvisa, brivido

che percorre la concava

vacuità che ci abbraccia

 

ormai. L’ansia dell’attimo

non ha ragione d’essere

più. Già lontano è il palpito

di cui il cuore s’inebria.

 

Motivazione della giuria

Lirica evocativa, con sapiente uso della metrica.

 

 

Non voglio aggiungere altro: i testi poetici comunicano già di per sé.

 

 

© Federico Cinti

Tutti i diritti riservati

Di fine agosto, premio speciale del presidente

 

 

Con grande piacere apprendo oggi di essere stato insignito del «Premio speciale del Presidente» alla III edizione del premio letterario «Dino Sarti» per la poesia Di fine agosto, indetto in seno al al Centro Foscherara di Bologna. Ringrazio di cuore Sante Serra dell’attenzione riservata a questi miei versi.

 

 

Obliquo il sole stanco nel meriggio

sapeva già d’autunno, declinando

tra le strade deserte. Nel silenzio

il senso vano di una vita amica.

 

Eri al cancello. Dritta nell’attendermi

gettavi un’ombra di malinconia

sui quattro sassi e l’erba. In un pulviscolo

dorato si spandeva il tuo profumo.

 

Salimmo. In cielo qualche lieve nuvola

per l’azzurro, sui tetti, tra le case

squadrate e l’orizzonte. Tra le ciglia

socchiuse un dolce abbraccio di penombra.

 

Moriva agosto. Sull’estate tremule

lacrimavano in coro le cicale.

Non te lo dissi allora, ma eri splendida.

Già lo sapevi. In quell’istante vano

 

era ogni dire, ogni discorso inutile

profanazione. Il tempo s’annullava

in un istante eterno. Sogno, immagine,

realtà, tutto si fonde nel ricordo.

 

Esile il tuo sorridere. Nell’anima

è come il mormorio nella conchiglia

che torna all’infinito fino a perdersi

dentro un sussurro. Nulla si cancella.

 

Dolce fu stare lì. Nei brevi battiti

d’una lancetta il tempo fuggì via.

Avevo addosso il tuo profumo, languida

vertigine così consolatrice.

 

Poi la soglia sconnessa, il lento stridere

del cancello, il lunghissimo saluto.

Non so se te lo dissi che eri splendida,

ma lo sapevi già. Voltai le spalle.

 

Moriva allora agosto. Nell’immobile

vacuità di quel giorno il nome caro

di quelle case, dei palazzi, il Fossolo,

varco all’eterno, dove ha casa il cuore,

 

mi restò dentro. E mi rimane, pallido

volto di un giorno. Ancora mille e mille

ci attendevano e attendono, miracolo

che si perpetua, favola d’amore.

 

 

Di seguito la motivazione del premio speciale del Presidente:

Un tardo pomeriggio di agosto avvolge il quartiere della immediata periferia  bolognese e accende l’animo del Poeta, gli restituisce l’eco di ricordi, di immagini care, famigliari e lontane, profumate, sospese in atmosfera sognante.

Citando il Poeta «Sogno, immagine, realtà”, tutto si fonde nel ricordo».

Nella seconda parte della soave e pregevole lirica, i versi si fanno più intimi ed meditativi, rivolti alla propria anima e allo stupore per quei luoghi «dove ha casa il cuore» dominati dai ricordi che sembrano inseguire le parabole inquiete della mente.

 

Sante Serra

 

Bologna, 10 luglio 2020

 

 

Ricordo dell’estate in declino sul finire d’agosto, quando già tutto sa d’autunno: l’incontro nella città ancora assorta nel pallido meriggio obliquo. Null’altro intorno se non ombre che s’inseguono sulla via della felicità. La cupola azzurra del cielo adagiata su ogni cosa, anche su di noi. Lontane le Torri, laggiù, testimoni di ciò che eravamo. Nel palazzo di fronte aveva abitato Dino Sarti, antico presagio.

 

 

© Federico Cinti

Tutti i diritti riservati

“Nevicata”, I premio al concorso “Lampi di poesia”

 

Non so come, ma una mia poesia si è classificata prima alla 5^ Edizione (2020) del Premio Letterario Nazionale “LAMPI DI POESIA | SLUSSI ‘D POESÌA”,nella sezione A.1 | Poesie brevi in Lingua italiana, indetto dall’Associazione “Monginevro cultura” di Torino.
Ne ripropongo il testo, non perché sia stato premiato, bensì perché mi suscita ancora tante emozioni a rileggerlo.

 

 

NEVICATA

 

Grigio il giorno. Per l’aria un tetro gelo.
Inizia a nevicare senza fine.
Non un suono. Su tutto un bianco velo,
equilibrio di mille antiche trine.

 

Vaga un’ombra di pace per il cielo.
Ride il cuore. Sull’ultimo confine
abita una speranza, come in stelo
fiore sbocciato appena tra le spine.

 

Aria di festa. Tutto trascolora
rapido allo spettacolo. La neve
oggi è visione che stupisce ancora.

 

La sospensione scende lieve lieve
fra di noi, ci sostiene, ci rincuora,
in questo tempo che si è fatto breve.

 

 

Di seguito il giudizio della giuria, che ha decretato Nevicata come miglior sonetto in competizione:

Sonetto metricamente perfetto, tra il pascoliano e il crepuscolare, i cui versi trasmettono speranza, come un fiore appena sbocciato tra le spine.

 

L’unico giorno in cui ha nevicato, l’anno scorso. Un’atmosfera incantata ha cominciato ad ammantare ogni cosa. Lungo la via un silenzio senza fine, come se tutto si fosse fermato. Era venerdì, il 13 dicembre, il giorno di Santa Lucia. A un tratto mi pareva d’essere tornato bambino: il sogno s’avverava di nuovo. Bologna vestiva un abito di trine per la festa.
Ne ho fatto versi per i miei studenti: la mattina a scuola avevamo parlato di sonetti e di acrostici. Piacque molto, un dono inaspettato per tutti, in primis per me. La madreperla del cielo riluceva nel lieve candore dei fiocchi in una sospensione fuori del tempo.
Anche agli amici piacque molto. Un giorno come gli altri, ma diverso. Non allegria, ma un vago senso di nostalgia per la purezza che andava ricostituendosi, come se i frammenti del mosaico ritrovassero la loro primordiale collocazione. Eppure, tutto era così semplice.
Il premio dovrebbe essere dato allo spettacolo che la neve è riuscita a suscitare in noi. Ogni volta è così, una nenia che si riascolta e che commuove una parte di noi forse dimenticata. Dico forse, se riaffiora con placida meraviglia. Lo specchio appannato a un certo punto restituisce il suo tesoro di sospensione e così è possibile smarrirsi nella fantasia e nella poesia che permea il reale.

 

 

© Federico Cinti
Tutti i diritti riservati